Messina e le sue colline Il valore della terra

Italia Nostra Messina, con SISUS e Legambiente Messina, organizza il convegno:
Messina e le sue colline Il valore della terra

Messina, si è sviluppata sulla breve pianura alluvionale che si estende ai piedi delle colline che le fanno da corona e ne definiscono il profilo e si distende sullo Stretto di fronte alle città di Reggio Calabria e di Villa S. Giovanni anch’ esse situate ai piedi delle propaggini dell’ Aspromonte. Lo Stretto rappresenta così il naturale collegamento tra due sponde morfologicamente simili in un contesto paesaggistico di particolare impatto estetico.

Il versante collinare messinese in origine era punteggiato esclusivamente dai borghi che traevano il loro benessere dall’ agricoltura, dalla coltivazione a vigneti, oliveti e agrumeti nonché dalla presenza di orti e dalla pastorizia. Questo impianto variegato di coltivazioni oltre a produrre un’ economia diffusa e diversificata (dal semplice prodotto agricolo al prodotto industriale ) costituiva un elemento caratterizzante in termini di tradizioni e di identità culturale.

La progressiva aggressione edilizia sui versanti collinari, invasiva e non regolata da una strategica pianificazione urbanistica finalizzata alla salvaguardia dell’ esistente e attenta alle suggestioni del paesaggio, ha determinato un deterioramento del profilo paesaggistico ed una progressiva perdita di interesse nei confronti delle attività produttive. Ne è conseguita anche l’ inevitabile esposizione a eventi calamitosi legati al dissesto idrogeologico.

Questo convegno si propone di raccogliere i segni di un’ inversione di tendenza che oggi si
possono osservare sia a livello istituzionale, sia a livello di singole iniziative dirette al recupero della originaria vocazione agricola del territorio, in un contesto culturale che appare sempre più sensibile alla conservazione e alla rivalorizzazione delle tradizioni, orientando le scelte in funzione di una pianificazione sostenibile e in linea con la difesa dei valori paesaggistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *